top of page

L’importanza del tempo nella riabilitazione

Troppe volte ci è capitato di essere chiamati per una visita o un’esame diagnostico (ecografia, eco-color-Doppler, ECG ecc.), al domicilio di un paziente che, uno-due mesi prima, era stato dimesso da un ospedale o da una struttura di riabilitazione intensiva. A causa dei soliti meccanismi burocratico-organizzativi non efficienti, da allora aveva soggiornato a casa propria, passando dal letto alla poltrona e niente più, interrompendo così il percorso di riabilitazione e cura, aveva visto svanire tutti i benefici di una riattivazione precoce!



Di nuovo, si erano verificate tutte le conseguenze dell'immobilizzazione:

  1. gli arrossamenti della cute o le vere e proprie ulcere da pressione.

  2. La perdita di massa e tono muscolare.

  3. La regressione della capacità di essere sufficientemente autonomo nelle comuni attività domestiche.

  4. Il rallentamento del recupero fisico, cognitivo e dell’umore dopo l’evento (traumatico, cardio e cerebrovascolare, ictus o infarto).

Tutto questo perché il lavoro a domicilio non era stato sufficientemente tempestivo, intensivo, integrato e multidisciplinare come le condizioni del paziente avrebbero richiesto.

Il tempo in questo caso non è denaro ma salute!


 

Comments


bottom of page